Ossimoro vivente

Ossimoro vivente

L'estate mi piace , nel senso che, anche con i 40° percepiti di oggi, la preferisco al grigio e triste inverno e mi rincuora il non dover partorire con freddo e ghiaccio e potermi invece abbandonare al caldo soffio sensuale dello scirocco. Lo riconosco, ho davvero un talento naturale nel sopportare il caldo e me ne vanto : dormo con le finestre chiuse, coperta da un lenzuolino e non ho problemi a usare forno e gas , anche se poi mi vedo costretta a refrigerare la mia pancia, che ormai, ogni giorno di più e malgrado le mie attenzioni, vedo avvicinarsi pericolosamente ai fornelli. Quindi motivo in più per cedere alla frescura delle ricette estive . E invece no..è questo il nocciolo della questione: estate tutto l'anno , ma con cucina d'inverno! Non è possibile , lo so, ma pur rispettando la stagionalità dei prodotti ed apprezzando lo straordinario caleidoscopio di frutta e ortaggi che l'estate ci offre, mi stanco presto dei noiosi piatti freddi, delle solite summer edition, che io gusterei volentieri calde. E allora che fare? Da ossimoro vivente quale sono , ho ribaltato il concetto : invece di aggrapparmi ad una ricetta invernale che mi soddisfa appieno e trasformarla in una fredda (tipo da risotto o pasta a insalata di riso o di pasta), ne ho individuata una che calda non mi piace e l'ho trasformata in una versione fredda.. E il bello è che ha funzionato! Mi spiego meglio, perchè l'ossimoro nella sua sostanza è un po' complicato e serve una mente poco razionale come la mia per dargli un senso : il pollo con la peperonata è un classico e a me propio non piace , soprattutto servito caldo, quindi gli ho dato una veste assolutamente estiva e l'ho rivalutato. Ti sottopongo quindi la mia ricetta, molto semplice da realizzare e che ho reso un po' street food, grazie all' involucro, un po' più grezzo della piadina, che contiene pollo marinato e peperoni il tutto cotto alla griglia, da potersi preparare in anticipo e assemblare all'ultimo momento, perfetto per un pranzo veloce o magari un pic nic sulla spiaggia. Carboidrati, proteine, flavonoidi e vitamina PP per non farci mancare propio niente in questa lunga estate calda!

 

Pollo e peperoni summer edition

Ingredienti per 4 persone

250 gr di petto di pollo

1 peperone giallo o rosso

100 gr di crescenza

2 cucchiaini di senape di Digione forte

Per la marinata

4 cucchiai di olio extravergine di oliva

4 fettine di limone

4 rametti di rosmarino

1/2 cucchiaino di paprika

sale e pepe q.b

peperoncino secco q.b

Per l'involucro

230 gr di farina 00

3 cucchiaini di semi di lino (facoltativi)

4 cucchiai di olio extravergine di oliva

sale q.b

una punta di cucchiaino di bicarbonato

2 pizzichi di sale

100 gr di acqua

  • Taglia il pollo a fette spesse circa 1/2 cm e poi ogni fetta a listarelle sempre di 1/2 cm di spessore. Metti in una ciotola con tutti gli ingredienti per la marinata, mescola con le mani, copri con della pellicola e metti in frigo a riposare per un paio d'ore.
  • Impasta gli ingredienti per formare l'involuro fino a che otterrai un composto omogeneo (a mano circa 10 min) e fai riposare coperto da una ciotola per 30 min. Altrimenti conserva l'impasto tutta la notte in frigo, avvolto nella pellicola.
  • Taglia il peperone a striscioline*, togli il pollo dal frigo e griglialo su una piastra calda, prosegui poi grigliando le listarelle di peperone. Tieni da parte.
  • In una ciotola mescola la crescenza con la senape.
  • Riprendi l'impasto e dividilo in 4 palline, stendi ad un diametro di circa 20 cm e cuoci ad una ad una in una larga padella antiaderente già calda per circa 2 min per lato.
  • Se vuoi dare la forma a cestino, metti la "piadina" appena cotta su una ciotola e sciaccia con un'altra ciotola. Lascia così per due minuti e poi rigira. Guarnisci con il formaggio e la senape e concludi con peperoni e pollo.
  • Se vuoi dare la forma a pacchetto, spalma gli ingredienti solo su una metà e poi richiudi con l'altra. Chiudi il tutto con uno spago e un rametto di rosmarino. Questa soluzione è da preferire se devi trasportare le tue piadine, ricorda però di avvolgerle con della carta alluminio.

*Se non digerisci la pelle, cuocilo in forno a 180° per 30 min, togli la pelle e procedi come da ricetta.

 

About Maria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.