Organizzare un buffet

Organizzare un buffet

Organizzare un buffet

2015-08-21 20.32.52Un buffet è un buon modo per invitare tante persone, che un pranzo o una normale cena non ti permetterebbero di accontentare, almeno tutte insieme. Le pietanze vengono servite su un tavolo appositamente allestito, in modo tale che gli ospiti possano servirsi da soli nei tempi e nelle quantità che preferiscono, accomodandosi non necessariamente attorno ad un tavolo, ma usando lo spazio come vogliono: poltrone, divani oppure anche stando in piedi, l’importante è che riescano con facilità sia a mangiare che a conversare fra loro. Un buffet ti dà la comodità di poterlo pianificare e preparare in anticipo, permettendo anche a chi lo organizza di poter godere della compagnia dei propi ospiti, senza doversi relegare in cucina.

Il primo che abbiamo organizzato io e Gabriele è stato il 13 dicembre 2009 in occasione di santa Lucia e che abbiamo chiamato “La festa della luce”, come da tradizione scandinava ed è diventato un appuntamento fisso per farci gli auguri in occasione delle festività natalizie. A questo buffet se ne è aggiunto un altro, solo da un anno, alla terza domenica di agosto, per la festa di san Bernardo, patrono del rione in cui abitiamo; quindi ci siamo, domenica avremo una decina di persone a casa ed è ora di prepararsi. Nel caso anche tu ti volessi cimentare, ti passo i miei consigli, spero ti saranno utili.
•Decidi la data, quante persone inviterai e la fascia oraria in cui dare il buffet. Io in genere organizzo un apericena dalle 17.00 in poi, in modo tale che i miei ospiti sappiano che non avranno bisogno di cenare una volta rientrati a casa.
•Stila un menù che ti permetta di preparare il maggior numero di piatti almeno con un giorno di anticipo, prediligi preparazioni semplici, ma variate per quanto riguarda gli ingredienti, in modo da accontentare più gusti possibili, pietanze che possano essere consumate senza l’aiuto di coltelli, quindi via libera a tutto ciò che è finger o può essere gustato con l’aiuto di una forchetta. Anche in estate mi piace proporre un piatto caldo, che, data la presenza di bambini, in genere tende a prediligere più i loro gusti, quindi ok per le lasagne.
•Guarda l’ambiente in cui riceverai i tuoi ospiti: sedie, poltrone, divano e tutto ciò che può aiutarti a creare un’atmosfera che inviti al relax e alla convivialità e se necessario, cambia pure per l’occasione la disposizione dei mobili. Se hai la fortuna di avere un bel giardino o un terrazzo spazioso, in estate direi che il gioco è fatto: qualche candela ti basterà sicuramente per creare il giusto ambiente. Ma se, come me, disponi solo di un piccolo balcone, sfruttalo comunque, con un piccolo tavolo o magari solo con un paio di sedie, ti assicuro che verrà utlizzato e nel contempo ti aiuterà a dare più respiro allo spazio interno.
•Mise en place: ti servirà un tavolo o un mobile da adibire a buffet, su cui allestire una zona self-sevice: piatti, tovaglioli, forchette e le pietanze che avrai preparato, il tutto deve essere agevolmente fruibile sia agli ospiti sia ai padroni di casa che lo dovranno gestire. Decidi e prepara in anticipo i piatti, i vassoi e le alzate da utilizzare e fai una prova per non avere sorprese all’ultimo momento. Mi raccomando, non cedere alla tentazione di usare piatti e bicchieri di carta o plastica, penso che tolgano importanza a tutto l’allestimento e potrebbero rendere difficile mangiare senza avere un appoggio.
•La zona “bere”: preferisco separarla dalla zona cibo e prevedere sia bevande alcoliche che analcoliche, di cui in genere lascio carta bianca a mio marito, che si rivela essere sempre un ottimo cantiniere.
•Tabella di marcia: scrivi su un foglio quello che dovrai fare giorno per giorno, ad esempio fare la spesa, organizzare i piatti che puoi preparare prima e quelli invece da assemblare all’ultimo momento. Attacca il foglio in un luogo ben visibile (il mio è sul frigo) e segui la tua tabella, ti aiuterà ad arrivare più rilassato al traguardo.
•Lista della spesa: per ogni piatto prepara la lista degli ingredienti, sottolineando quelli che non hai in dispensa, ricopiali su un altro foglio e avrai fatto anche la lista della spesa, senza dimenticare nulla.
•Niente panico: so che non è facile, ma cerca di rilassarti e goderti la festa, facendo tesoro degli eventuali “errori” per migliorarti la volta successiva e vedrai che comunque la soddisfazione per quello che hai fatto alla fine sarà davvero gratificante e non vedrai l’ora di organizzare il prossimo buffet!

About Maria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.