Come Vianne Rocher

Come Vianne Rocher

Vianne-in-the-Chocolat-movie-600x347In genere i film che si rifanno a un libro non sono altro che la brutta copia di quest'ultimo, forse perchè non c'è pellicola che può reggere il confronto con quello che la cara vecchia carta stampata può sull'immaginazione di chi legge. Di solito è così, però, come si suol dire, c'è sempre un'eccezione che conferma la regola ed è propio il caso di "Chocolat" e della figura di Vianne Rocher, la strega-pasticcera protagonista della storia, che viene presentata con sfumature differenti fra carta e pellicola, ma in entrambi i casi sempre affascinante e seducente grazie alla sua abilità di curare l'animo umano attraverso il cioccolato. Già, perchè quando "Quella zaffata di cioccolato ti prende all'improvviso" non puoi resistere.. e allora le cedi, lasciandoti torturare di piacere.. Quale potere nell'abilità di chi cucina, nel trovare l'ingrediente segreto e quasi magico che può rendere arrendevole chiunque, anche solo per una frazione di secondo! "Assaggiami, provami, gustami.." è la frase magica che mormora Vianne, mentre prepara le sue delizie al cioccolato.. "Assaggia, è il tuo preferito"..e ancora: "Sono brava a indovinare i gusti della gente" è quello che lei ripete spesso nel film e quanto le invidio quella capacità di capire gli altri, conquistando il loro palato. Se ci penso bene però, con una punta di presunzione, sono anch'io Vianne Rocher quando preparo i miei biscotti "Brutti, ma buoni", che, pur non avendo nemmeno una punta di cioccolato, sono davvero magici. Piccole meringhe alle nocciole che si sciolgono in bocca e a cui nessuno sa resistere (anche quel palatoscettico di mio marito ha dovuto capitolare!): sono il mio cavallo di battaglia, la ricetta che mi rappresenta più di tutte. Te la lascio nella speranza che anche tu ti possa sentire un po' speciale, come succede a me, quando guardo i volti compiaciuti di chi assaggia: una piccola coccola che può farti dimenticare tutte le ansie della vita, anche solo per un breve istante di piacere che dal palato arriva alla mente e al cuore. Unico accorgimento: maneggiali con attenzione, creano dipendenza!

Brutti ma buoni

Ingredienti per 25 biscotti circa

2 albumi

150 gr di zucchero semolato

125 gr di nocciole pelate e tostate

  • Accendi il forno a 140° statico. Trita le nocciole al coltello grossolanamente e scaldale in forno per circa 10 min su una teglia rivestita di cartaforno.
  • In una casseruola monta gli albumi a neve con metà dello zucchero. Aggiungi le nocciole calde e l'altra metà dello zucchero, mescolando con un cucchiaio di legno dal basso verso l'alto per non smontare il composto.
  • Scalda il composto a fiamma bassa senza smettere di mescolare. Quando tenderà ad attaccarsi al fondo della pentola, spegni e fai riposare 10 min lontano dal fuoco.
  • Riprendi il composto e, aiutandoti con due cucchiaini, forma dei mucchietti e adagiali sulla teglia che hai utilizzato per scaldare le nocciole.
  • Cuoci in forno per 45/50 min.Saranno pronti quando inizieranno a creparsi e a formarsi delle bollicine. Trascorso il tempo, apri leggermente lo sportello del forno e lascia raffreddare così. Conserva i biscotti in barattoli ermetici: dureranno più a lungo e si seccheranno all'interno, migliorando il loro gusto.2015-05-17 19.38.27

About Maria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.