Un grosso “no”

Un grosso “no”

Un grosso “no”

In genere la giornata di oggi porta con sè un po' di malinconia e a volte anche di tristezza ricordando chi ci ha lasciato, è un giorno legato al silenzio e alla riflessione.  Per me questo giorno racchiude un ricordo dolce e nello stesso tempo amaro, perchè propio in questa data sette anni orsono ho ricevuto un grosso "no": 80 km per farsi dire di no! La giornata però si era aperta carica di aspettative positive, un appuntamento che non mi aspettavo, organizzato per telefono la sera prima con un ragazzo conosciuto da una settimana appena e con cui avevo scambiato qualche parola appena, ma lui mi piaceva propio e ho iniziato a fare quello che non avevo mai fatto prima e cioè corteggiare qualcuno. Ho chiesto il suo numero di telefono ad un suo collega, l'ho chiamato e così era saltato fuori un appuntamento a cena per la sera successiva. Ricordo che era una serata fredda e ventosa, propio da 2 novembre, ma dentro di me sentivo un entusiasmo da fine della scuola a ridosso dell'estate. Ero anche arrivata puntuale, cosa strana per una ritardataria cronica come me, ma di lui nemmeno l'ombra.. Come inizio non era dei migliori, ma comunque l'ho aspettato e dopo mezz'ora di attesa eccolo finalmente! Non sembrava però così felice di vedermi, forse era solo un po' imbarazzato, come continuava a ripetermi durante la cena, davvero pessima fra l'altro: un flan gommoso e un risotto alla melagrana non propio riuscito.. Ha pagato il conto e siamo usciti e per tutto il resto della serata, mentre si parlava, mi è sembrato a disagio, quasi infastidito e con la voglia di mettere fine all'appuntamento che forse si era pentito di aver accettato. Al che ho deciso di giocare a carte scoperte e gliel'ho detto: "Mi piaci, voglio stare con te!" Mi ha risposto di no, con un filo di voce e senza guardarmi negli occhi, ci voleva pensare, perchè io non gli sembravo davvero sincera, anzi, ero un po' ambigua a detta sua. Non so come, ma invece di andarmene gli ho detto "Va bene, prenditi il tuo tempo, io ti aspetto.." E' finita così la serata da cui speravo ben altro e se ci ripenso mai mi sarei aspettata che quel ragazzo così schivo, diciannove mesi dopo, mi avrebbe detto di sì, il sì più importante della sua vita.. Sette anni dopo posso solo ringraziare per quel no, detto senza troppi giri di parole, un no che mi ha fatto crescere più di tanti sì detti con leggerezza, più di tanti sorrisi scintillanti che nascondono invece denti da lupo.. Solo le persone vere riescono a dirti di no e lo fanno anche a costo di farti male, perchè l'amore, quello vero, non accetta compromessi, ma si nutre solo di verità. Oggi festeggio il "no" più bello che io abbia mai ricevuto e senza il quale oggi forse non sarei quella che sono.2015-05-10 06.52.01

About Maria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.