Il dopo Ferragosto

Il dopo Ferragosto

Il dopo Ferragosto

Il 15 d'agosto è la data tanto attesa, il giorno dei giorni che segna il culmine dell'estate: i tiggì fanno a gara per il servizio più ganzo dalla spiaggia più in d'Italia, feste sulla spiaggia e nottate in discoteca come se piovesse..e dopo? "Après moi le déluge! " diceva Luigi XV alla sua Pompadour e va da sé che, dopo Pasqua e Natale, la Madonna assunta non teme rivali, ma dal 16 agosto in poi c'è una miriade di santi di tutto rispetto e a festeggiarli non si fa davvero torto a nessuno. Per quanto io non sia una fanatica delle ferie di agosto, penso che questo mese rappresenti la quintessenza dell'estate e che vada celebrato in ogni suo giorno come fosse una domenica che si prolunga per 31 giorni. Agosto è un inno alla vita, non lasciamo che finisca prima del dovuto, anche se le vacanze magari sono già terminate da un po', nel mio caso giusto un mese fa.20160816_101117

Chi è nato a Siena lo sa, che il giorno con la "G" maiuscola è quello dopo Ferragosto,  perché si corre il palio più importante dell'anno e quello del 2016 è entrato a far parte della storia grazie alla vittoria della Lupa che si è aggiudicata entrambi i palii della stagione con uno straordinario "cappotto" che sicuramente verrà festeggiato per i mesi a venire.  Quindi, a chiunque non sapesse come impegnare questo rush finale agostano, consiglio vivamente una capatina a Siena, e di buttarsi nella prima osteria che vede appena gli prende la fame: sarà sempre un'ottima scelta! Per noi invece che rimarremo in loco, c'è appena stata la fiera di San Rocco a Magenta,  che mi ha in parte ripagato della delusione della sagra di san Fermo, infatti ho potuto apprezzare diverse bancarelle tipiche, soprattutto quella ligure con il suo pesto e le sue focacce, e il prossimo risotto con i funghi ringrazierà quel simpatico del Fungaio che mi ha risparmiato una lunga attesa in mezzo a tutte quelle persone che stipavano il suo banco! Comunque, se vi siete persi san Rocco, badate bene di riscattarvi con san Bernardo e di non perdere la storica festa di Soriano che parte stasera e fra sacro e profano terminerà lunedì mattina: un panino con la salamella non si rifiuta mai! Noi come ogni anno abbiamo invitato nonni, zii e cuginetti per un ricco apericena e i preparativi fervono già.  20160816_125530

E dopo? Dopo si può fare una puntatina all'Aquila e  dintorni in occasione della festa di sant'Agostino in cui la basilica di Collemaggio rimane aperta tutta la notte, trasformandosi in un'autentica porta santa; completate con qualche decina di arrosticini e potete tornare a casa avendo soddisfatto sia carne che spirito. Per i più pigri si può sempre ripiegare sulla festa di Cerello, per una chiusura agostana di tutto rispetto.

E poi? Poi sarà già settembre con i suoi toni più morbidi e  soffusi, i ritmi che riprendono frenetici e l'estate sarà già ricordo.. 20160816_102857

About Maria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.