Finalmente autunno!

È arrivato, non ci sono più dubbi, da giovedì 22 settembre, alle ore 14. 05, siamo ufficialmente in autunno, anche se a dire la verità,  dopo la pioggia scrosciante e a tratti temporalesca dell'altro giorno, lo strappo all'estate era già stato dato. Malinconia, giorni tristi e grigi in cui il buio sembra inghiottire come lupo famelico gli ultimi barlumi di un  giorno che avrà sempre meno da dire: mais no,  niente di più sbagliato!  L'autunno è un concentrato di vita e di felicità,  basta un pizzico di spicciola filosofia per rendersi conto che è questa la vera stagione della libertà, altro che malinconica discesa verso gli abissi dell'oscurità: ecco la mia personale classifica di arrivi e partenze tutti a vantaggio del buon vivere !  

Chi se ne va

  1. La ritenzione idrica : non c'è estate fresca abbastanza per trattenerla dal dilagare verso pancia, gambe e glutei, nessuna capacità di assunzione di liquidi al momento conosciuta può servire a debellarla , solo l'arrivo della magia autunnale può costringerla a fare le valigie ! Ciao, ciao alla prossima estate !
  2. La prova costume :strettamente legata al punto precedente e all'annoso problema cellulite, è uno spauracchio che si ripresenta puntuale dopo ogni uovo di Pasqua, costringendo i più ad estenuanti sessioni di palestra e ad aprire il portafogli agli ultimi ritrovati della cosmetica con il risultato che alla fine si è come si era prima , ma da oggi chissenefrega..almeno per un po' .
  3. Le zanzare : penso non serva aggiungere altro per un insignificante insetto, ma capace di riportare alla memoria ogni volta tutto un vocabolario di insulti al femminile anche sulle labbra dei più angelici fra noi..
  4. Il sole negli occhi in macchina : non ci sono occhiali da sole o vetri oscurati che tengano, l'unica soluzione è chiudere gli occhi..e la cosa è sentitamente sconsigliabile ! 
  5. Gli uomini con i fantasmini : anche se la loro funzione è quella di essere invisibili, la loro presenza è facile da intuire ed è sufficiente anche un solo breve e fugace pensiero per mandare in malora  qualsiasi sfumatura di grigio, nero o rosso.

Chi ritorna dopo una lunga assenza

  1. Il sonno notturno : finalmente di notte si dorme senza ausilio di ventilatori o condizionatori. Ci si sveglia riposati, senza ossa rotte e senza occhiaie e senza quell'odiosa sensazione di appiccicaticcio che accompagna il 90% dei risvegli estivi.
  2. Il profumo dei dolci in forno : non vedevo l'ora che per casa si diffondesse il profumo del cioccolato, delle mele e delle nocciole. Cucinare una torta e sentirne i dolci effluvi è uno dei più potenti antistress che ci siano, provare per credere !
  3. Divano& plaid: la storica coppia che scoppia a Maggio, ha un vero e proprio ritorno di fiamma a settembre, desiderata a tal punto che non si vede l'ora di imbozzolarsi al calduccio, mentre fuori una lieve foschia ammanta tutto come una soffice ovatta.
  4. Il buon gusto : ne sono fermamente convinta, se l'estate amplifica ed esalta il cafone, facendolo prima annidare per poi proliferare a briglia sciolta in ogni dove,  l'autunno lo intorpidisce con i suoi toni più morbidi, obbligandolo  ad un lungo letargo. Qualche esempio ? Finestrini delle auto alzati, quindi musica meno assordante, centimetri di pelle scoperta che si vanno inesorabilmente assottigliando, evitando volgari mostre di ciò che spesso sarebbe meglio lasciare all'immaginazione. 
  5. I cioccolatini: alzi la mano chi non pregusta il momento di scartare il primo Ferrero Rocher della stagione, sentirne il profumo anche da sotto la carta dorata, poi chiudere gli occhi mentre il guscio si frantuma in una morbida cascata di crema alla nocciola che invade tutti i sensi .. basta questo a farmi amare l'autunno ! 

 

Torta di mele

20160923_183156

Ingredienti per quattro persone

2 mele

60 gr di farina di riso oppure fecola di patate

50 gr nocciole tostate

80 gr di zucchero semolato + 1 cucchiaio

100 gr di burro 

2 uova

1 pizzico di sale  

  • Accendi il forno a 180 gradi statico.  
  • Fodera il fondo di uno stampo a cerniera di 18 cm di diametro,  imburrato e cospargi con un cucchiaio di zucchero semolato. 
  • In un mixer riduci in polvere le nocciole con lo zucchero, poi aggiungi il burro tagliato a dadini. Unisci la farina di riso olio la fecola e il pizzico di sale e per ultime le uova, fino ad ottenere un composto omogeneo. 
  • Sbuccia le mele e tagliale a spicchi, mettili sul fondo della tortiera disposti a raggiera,  copri con il composto fatto al mixer e inforna per 30 min.
  • Sforna e fai raffreddare,  rovescia la torta su un piatto in maniera che le mele siano in superficie. Puoi servire con panna montata o crema pasticcera. 

About Maria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Social Media Integration by Acurax Wordpress Developers
Visit Us On TwitterVisit Us On Facebook