La stagione dell’amore..

La stagione dell’amore..

2016-02-03 21.00.37"..viene e va..ne abbiamo avute di occasioni, perdendole..non rimpiangerle mai..se penso a come ho speso male il mio tempo che non ritornerà più.." Non so come e perchè, ma era qualche giorno che questa canzone di Franco Battiato mi risuonava per la mente, sebbene non ne conoscessi che l'intro, allora l'ho ascoltata per intero per la prima volta e mi sono detta che forse era il caso di parlarne, dell'amore e della sua stagione, proprio in questo mese di febbraio che porta in sè la festa degli innamorati, san Valentino. Roba da adolescenti, mera occasione da bussiness con i suoi gadgets e cioccolatini accompagnati da rose rosse a profusione, non che ci sia alcunchè di male, intendiamoci, ma penso tuttavia che il 14 di febbraio sia un giorno come un altro, vale a dire un'occasione da non perdere, per non rimpiangere un domani di non averla colta: una domenica, come un lunedi o qualsiasi altro giorno della settimana è buono per la stagione dell'amore, per un marito, ma anche un figlio, un nipote o un'amica; un gesto d'amore non ha un giorno preciso sul calendario, non ha un'ora in particolare per essere fatto. La cucina è maestra in questo, tutti i giorni: è un gesto di misericordia dar da mangiare agli affamati e chiedere a qualcuno se oggi ha mangiato è considerata la domanda che esprime in assoluto l'amore per quel qualcuno. Un piatto di salsicce con una michetta di pane era quello che preferivo mangiare al rientro da scuola, tanti anni fa, e la mia mamma lo sapeva che mi piacevano belle abbrustolite, le salsicce, e mi lasciava anche il padellino per pucciarci il pane, e io ero felice, mi bastava per stare bene. Tutti abbiamo quel piatto in particolare che mangiato fra le mura di casa ci fa sentire bene e più è inaspettato, meglio è. La stagione dell'amore è questo e sarebbe un vero peccato non sfruttare l'oggi e rimandare tutto a domani; le certezze, quelle vere, sono davvero poche, e gli affetti sono uno scoglio che non cede nemmeno sotto lo tsunami più disastroso. Non aspettare san Valentino per dire "Ti amo", fallo ora, magari davanti a un piatto di salsicce, di tortellini in brodo o magari con una tazza di camomilla fumante prima di addormentarsi, anche quando la persona che ami è distratta, anche quando diventi una scontata abitudine, sarà tempo speso bene comunque, soprattutto per te stesso, perchè la stagione dell'amore tornerà con il suo entusiasmo e riuscirà a forzare anche quelle porte chiuse a doppia mandata, come il primo vento caldo di primavera, tornerà, magari dopo un lungo inverno di riflessione, e ti sorprenderà coi suoi profumi di cui non potrai fare a meno di inebriarti. Se puoi, non relegare l'amore a una stagione, ma vivilo in tutte le sue sfumature, quelle dai colori più caldi e anche nei momenti in cui tutto si scurisce, non ne fare mai a meno, del desiderio d'amore, non stancarti mai di cercare, di chiedere e di lottare, perchè amare è l'unica cosa che ci rende vivi e farlo per una stagione soltanto non può bastare..

Cuori alla marmellata 2016-01-31 11.29.15

125 gr farina

100 gr burro

50 gr zucchero a velo

1 tuorlo

1 pizzico di sale

confettura di fragole q.b

30 gr cioccolato fondente

  • Impasta la farina, il burro e lo zucchero e il sale fino a ottenere un composto bricioloso, aggiungi il tuorlo a temperatura ambiente, forma una palla, avvolgila nella pellicola e falla riposare almeno 30 min in frigo.
  • Accendi il forno a 180° statico, riprendi l'impasto, stendilo a uno spessore di qualche millimentro. Con un tagliabiscotti a forma di cuore ricava un numero pari di biscotti: una metà infornala per 10/12 min. Dai rimanenti biscotti, ritaglia un altro cuore, con uno stampino più piccolo, in modo da avere un cuore più piccolo e una cornice più grande che ti servirà per completare i cuori alla marmellata. Inforna i biscotti rimasti, facendo attenzione a mettere le cornici su una teglia a parte, perchè cuociono in meno di 10 min.
  • Assembla i cuori alla marmellata, unendo un cuore pieno alla base, un velo di marmellata e la sua cornice per completare.
  • Sciogli 30 gr di cioccolato fondente a bagnomaria e immergi la metà dei cuori più piccoli che hai ottenuto, falli asciugare su una teglia rivestita di cartaforno.

About Maria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Social Network Widget by Acurax Small Business Website Designers
Visit Us On TwitterVisit Us On Facebook