Scherzi da poppante

Scherzi da poppante

Mio figlio di soli 27 giorni a detta di tutti è uguale al papà, con buona pace della mamma, che comunque sa che nessuno lo conosce meglio di lei. Cosa scontata, dirai tu, ma pare che ci sia la fila di persone che voglia spiegarmi come si fa a fare la mamma: dai professionisti del settore fino ad arrivare a chi non ha mai partorito in vita sua, perle di saggezza rotolano intorno alle mie zampe porcelline. E allora una povera neo mamma, fra un errore e l'altro, che deve fare per il bene del suo bambino? Non lo so, i bambini sono uno diverso dall'altro e non esiste una regola certa per far sì che non piangano o per interpretare nella maniera corretta i loro vagiti. L'unica cosa che non posso impedirmi di fare è questa: sbagliare. L'imperfezione e lo sbaglio ce li ho nel dna ed è con i miei errori, le mie interpretazioni sbagliate che sto imparando a conoscere mio figlio e lui imparara a capire la sua mamma, perchè se è vero che madre e figlio cominciano a conoscersi prima degli altri è anche vero che dopo la nascita devono imparare a capirsi  e la cosa non è nè semplice nè scontata. Alla fine c'è una sola persona che mi può indicare la strada giusta da percorrere ed è il mio bambino, il primo che deve essere ascoltato e tutti gli altri se ne facciano una ragione! Non ha nemmeno un mese di vita, ma il mio piccolo ha già il suo caratterino, infatti è da diversi giorni che la mattina si sveglia urlando come un'aquila per la fame, allora andiamo in cucina, gli preparo un biberon di latte per la poppata mista e quando mi volto si è riaddormentato e ora chi lo sveglia più? Insomma che dopo diversi tentativi di risveglio, mi arrendo ai suoi tempi e giungo ad una conclusione: il poppante mi prende in giro, quindi è vero che è tutto suo padre! Allora mentre aspetto provo a cucinare qualcosa, almeno mi avvantaggio per il pranzo e compongo un piatto che non facevo da tempo: un flan doppio gusto, che entra a pieno titolo nell'autunno, ma strizza ancora l'occhio all'estate grazie alla zucchina (fresca di orto!) e al profumo del basilico. Devo ringraziare Francesco e i suoi "scherzetti" per avermi dato l'ispirazione, magari un domani questa ricetta piacerà anche a lui..puffi-da-colorare-disegno-21

Flan di zucca e zucchina con fonduta di stracchino profumata al basilico

Ingredienti per 4 flan

50 gr di zucchina

50 gr di zucca già pulita

1 scalogno piccolo

2 uova

1  cucchiaio di grana grattugiato

250 ml di panna fresca

100 gr di stracchino

basilico fresco

noce moscata

sale e pepe q.b

olio d'oliva

  • Grattugia la zucca e falla asciugare in un padellino con un filo d'olio e metà dello scalogno tritato per circa 5 min. Tieni da parte e ripeti il procedimento con la zucchina.
  • Sbatti le uova con 125 ml di panna, il parmigiano, regola di sale e pepe e aggiungi una grattata di noce moscata.
  • Frulla metà del composto di uova con la zucca e tieni da parte.  Ripeti l'operazione con la zucchina.
  • Accendi il forno a 200° ventilato. Imburra e infarina 4 stampini da muffin usa e getta.e riempili circa a metà con il composto di zucchina, ponili in una teglia che riempirai di acqua fredda fino ad arrivare alla metà degli stampini. Inforna per circa 15 min. fai la prova stecchino per verificarne la cottura. Completa aggiungendo il composto di zucca sopra quello alla zucchina e cuoci ancora per 10 min. Sforna e fai intiepidire.
  • Prepara la fonduta: fai scaldare i restanti 125 ml di panna e scioglici lo stracchino. Fai restringere per circa 5 min e regola di sale e pepe. Trasferisci il tutto in un mixer e frulla con le foglie di basilico.
  • Assembla il piatto, mettendo una cucchiaiata di fonduta sul fondo del piatto e appoggiandoci sopra il flan.IMG_20150924_131238

About Maria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Plugin for Social Media by Acurax Wordpress Design Studio
Visit Us On TwitterVisit Us On Facebook