Un vaso di viole e una crostata

Un vaso di viole e una crostata

"A febbraio si colgono le viole a piedi nudi.."

Quante volte l'ho sentito dire dai miei nonni e io non ci ho mai creduto che un mese come questo, che preferisce di gran lunga uno stelo d'erba intirizzito dal gelo che nutrito da gocce di fresca rugiada mattutina, potesse riservare una sorpresa dal sapore così primaverile.

Una zolla di terra fiorita l'anno scorso, presa dal nonno e messa in un vaso per Francesco, ha sopportato le montagne russe della colonnina di mercurio, passando dal caldo soffocante alle gelige nottate, guardando la campagna appollaiato sopra il grande vaso del caprifoglio, così, nel silenzio di quelle foglie secche che nessuno di noi si era preso la briga di rimuovere. 

Poi quando pensavo che fosse solo un accumulo di terriccio utile ad accogliere qualcos'altro, ecco la magia: le viole, e anche parecchie, tutte insieme, al mese di febbraio!

La terra non si dimentica di chi la ama, anche se non abbastanza da meritare tanta meraviglia su un misero balcone!

"Allora facciamo festa, oggi è festa!" dice mio figlio ogni volta che ci sediamo a tavola.. e allora festeggiamo con una bella crostata, fatta a quattro mani, una mamma e il suo bambino, ma che sappia di burro e non sia troppo dolce o stucchevole, proprio come le nostre viole, una carezza di primavera,una promessa di profumi e colori tanto agognata, in questo tardo e generoso inverno.

CROSTATA DI BURRO E MARMELLATA

Ingredienti

380 gr di farina 00

250 gr di burro

100 gr di zucchero di canna

1 uovo

1 pizzico di sale

1/2 cucchiaino di cannella

200 gr di marmellata

  • Imburra e infarina uno stampo da crostata, meglio se con il fondo amovibile, del diametro di 28 cm.
  • Impasta tutti gli ingredienti (tranne le marmellata) fino ad ottenere un impasto omogeneo, stendine i 3/4 con le mani direttamente sullo stampo, ricopri con la marmellata.
  • Con il resto dell'impasto crea dei biscotti della forma che preferisci e ricopri la superficie della crostata.
  • Metti in frigo a rassodare per circa un'ora.
  • Cuoci per circa 30 min in forno già caldo a 180°. Trascorso il tempo togli dal forno e lascia raffreddare prima di togliere il dolce dallo stampo.

About Maria

Page with Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.