Pazza per il Cointreau

Tag:, , , ,

Pazza per il Cointreau

Pazza per il Cointreau

“Assaggi questi cioccolatini alla rosa e mi dica se ho esagerato con il Cointreau..” Questa è la frase che ha dato inizio alla mia passione per il Cointreau.. e la colpa è tutta sua, di Vianne Rocher, la proprietaria della chocolaterie di Lansquenet sous Tannes, delle sue torte e delle sue praline ripiene di cioccolato e magia, e di quel film che me le sciorina davanti ogni volta che lo guardo e mi fa venir voglia di trapassare lo schermo e di afferrare quel piccolo pacchetto rosa con il nastro argento al posto di quella Josephine che poi se lo

Continue Reading

Il dì di festa

Il dì di festa

Se dovessi stilare una classifica dei dieci giorni che in un anno vorrei vivere all’infinito, nei primi cinque metterei sicuramente questo, il primo di novembre, il giorno di tutti i santi. Il motivo è presto spiegato nella parola “tradizione”. Sono cresciuta in una famiglia che mi ha insegnato i valori cristiani, legati all’importanza della famiglia che santifica le feste e si ritrova insieme attorno ad una tavola ben apparecchiata e ricolma di leccornie, perché anche la carne deve prendere parte alle gioie dello spirito. Il copione è sempre lo stesso, come una tradizione vuole, ma tu sai che c’è qualcosa

Continue Reading

Berry pick up

Berry pick up

Seduta al tavolo lo fissavo con insistenza da almeno un minuto -quant’era bello!- pensavo guardando quel piccolo vasetto di vetro che mi invitava a farsi assaggiare, seducendomi con i suoi profumi di bacche selvatiche e menta. Così, quando ho affondato il cucchiaio nel candore di quella crema, mi è sembrato quasi una profanazione, ma poi, mentre lo assaporavo in tutta la sua dolcezza, mi sono ricreduta: era un peccato, sì..ma di quelli gentili, perché una crema fatta con la ricotta è pur sempre indulgente sul giro vita!😉

Continue Reading

Il magico potere della burrata

Il magico potere della burrata

Si dice che non esista dispiacere che non possa essere annegato nell’alcol, e forse è vero.. però mi preme aggiungere e sottolineare che questo non è l’unico rimedio al dolore. Ne esiste un altro in cui infilare i propri pensieri, soprattutto quelli più neri e cupi, che come per magia ne usciranno candidi come la neve non ancora calpestata: questa panacea si chiama Burrata! L’ho scoperta ed apprezzata quest’estate, aggiungendola a crudo sulla pasta rossa di pomodori caldi di sole. Quando la forchetta porta alla bocca questa meraviglia, sembra quasi di annegare nella morbida voluttuosita’ della burrata oppure della sua

Continue Reading

Il teorema della panna cotta

Il teorema della panna cotta

  Alcuni affermano che la Pannacotta altro non sarebbe che un antenato del Biancomangiare, arrivato in terra di Sicilia durante la dominazione saracena. Poi, come spesso accade alle persone, il dolce si mise a viaggiare e risali’ lo stivale fino ad attecchire fra i filari nell’aria brumosa delle Langhe e qui si adatto’ agli usi e costumi indigeni, cosicché il latte di mandorla finora impiegato dovette lasciare spazio al più facilmente reperibile latte vaccino e qui finiscono tutte le ipotesi e comincia la storia, quella scritta e accreditata. La panna cotta nasce ufficialmente ai primi del’900, in piena belle époque,

Continue Reading

La ragazza del Drago

La ragazza del Drago

 Si chiamava Virginia Tacci, nata a Siena nella seconda metà del XVI secolo nella contrada del Drago. "Una giovane villanella di quattordici anni all'incirca": così la definiscono le cronache dell'epoca. Di lei non si sa granchè, in un periodo storico che, data l'assenza di media e social network, non fa molto caso allo scorrere della vita dei semplici, fagocitando nell'oblio della memoria tutto ciò che non è legato alla nobiltà, alla politica o alla santità conclamata. Virginia non vantava nobili origini, essendo una contadina, non è una santa come la sua più famosa concittadina Caterina, assunta alla gloria degli

Continue Reading

Il gusto di una vacanza

Il gusto di una vacanza

Più o meno un paio di mesi fa ero nel Chianti, a Sovicille, per qualche giorno di vacanza con la mia famiglia. Mi piaceva svegliarmi presto nella tranquillità silenziosa della natura intorno al casale, facevo colazione portando il mio cappuccino fatto in un bicchiere di coccio con due fette di pane e marmellata sul piccolo tavolo rotondo a bordo piscina e guardavo.. Davanti a me le rondini giocavano spruzzandosi le ali a pelo d'acqua, mentre il mio sguardo si perdeva fra i filari delle viti e i robusti ulivi, le fronde appena smosse da una brezza sottile ma tenace sotto

Continue Reading

Chi dice palio dice Siena

Chi dice palio dice Siena

Benchè io non sia senese di nascita e nemmeno possa vantare una qualsivoglia parentela con la città , mi sento legata a questa perla della Toscana , che tutto il mondo ci invidia . Ci sono stata parecchie volte , ma ho iniziato ad amarla già prima di poter respirare la sua aria che profuma di arte , di storia , di devozione e di rivalità centenarie . "Il Palio si corre tutto l'anno" recita un altro proverbio che la dice lunga sul rapporto osmotico che c'è fra Siena e la sua corsa : infatti la città si prepara all'evento

Continue Reading

Un cacio e pepe da manuale

Un cacio e pepe da manuale

Metti una sera di tarda primavera, ma che sembra estate piena, con nuvole pesanti, grossi gocciolioni e afa che si alternano come strati di una torta sulla tua pelle candida, ma che ha già visto pungiglioni di zanzare muoversi come aghi di abili tatuatori. Metti che ti prende poi una fame di quelle che ti scavano un buco allo stomaco e senti un vuoto come quello che ricordi di avere  nel frigorifero, ma sfortunatamente la tua pizzeria preferita osserva il turno di chiusura e..no, il parcheggio del supermercato gremito in ogni suo posto auto non promette nulla di buono. Metti

Continue Reading

Lo sguardo di una mamma

Lo sguardo di una mamma

Non te lo dice nessuno, ma quelle due piccole linee rosa o quel simbolo "più " sul test di gravidanza di fatto segnano l'inizio del conto alla rovescia che rivoluziona la tua vita ed il tuo sguardo cambia, per sempre. Il salto della barricata è compiuto, ma tu non te ne accorgi subito, perché con il pancione da accarezzare ti senti bene e guardandoti allo specchio magari pensi che così bella non sei mai stata. La mia gravidanza è stata un periodo splendido, poi quel piccolo crampo a metà del pomeriggio, passato quasi inosservato, mi ha riportato con i piedi

Continue Reading

L’ uomo più sexy del mondo

L’ uomo più sexy del mondo

Lo so, qualcuno starà già facendo la lista, chiedendosi se magari Bradd Pitt, George Clooney (scusate, ma i miei vent'anni sono custoditi nel profondo dei nineties!😉)oppure no,magari si potrebbe optare per una scelta controcorrente, ma sempre più di tendenza, che assurge al più alto gradino del podio un fascino intellettuale come quello di Alberto Angela. Sarei tentata, ebbene sì,  perché un uomo che con le sole parole ( è non d'amore!) ti sa rapire da un piatto schermo televisivo, forse forse quel quid in più ce l'ha.. Però no, non è nemmeno lui, perché l'uomo più sexy di questo universo

Continue Reading

L’ultima sera di marzo

L’ultima sera di marzo

Le sere di marzo nascono così, nel freddo e nell'oscurità invernale, per poi schiudersi giorno dopo giorno nel tiepido e timido abbraccio primaverile, come un fiore che aspetta di aprirsi al primo sole. Le sere a marzo passano via veloci e cambiano a poco a poco, in maniera quasi impercettibile, ma quando infine arrivi all'ultimo giorno, ti sembra cambiato il mondo da quella prima sera in cui magari c'era ancora il camino acceso e i caloriferi caldi. Ora invece, dopo trentun giorni, la primavera si è imposta e ha spazzato via tutto quello che poteva ricordare la vecchia stagione, con la sua

Continue Reading

Le frittelle della zia Rosetta

Le frittelle della zia Rosetta

Si chiamava Rosa, la terza di quattro figli, nata all'inizio degli anni 20, quelli ruggenti, di una rampante gioventù affamata di giochi in borsa e di Charleston, che presto dimentica gli errori del passato e quindi si vede costretta a riviverli. Ma in fondo lei, Rosa, divenuta per tutti Rosetta forse per quella sua forma piccola e tonda che ricordava le pagnotte, che ne poteva sapere? Nulla, ma gli sbagli di pochi in genere li pagano in molti e vivere la propria giovinezza nel pieno della seconda guerra  mondiale è un prezzo  veramente alto da pagare e pensi in fondo che la vita

Continue Reading

Che carattere del cavolo (verza)!

Che carattere del cavolo (verza)!

Quando si dice che hai un carattere del cavolo, l'unica cosa certa è che non ti stanno facendo un complimento, anzi.. Eppure se si conoscesse veramente la natura di questo ortaggio si capirebbe che invece tutti i modi di dire che lo vedono come protagonista sono ingiusti nonché ingenerosi luoghi comuni, frutto di una mancanza di conoscenza e di una scarsa osservazione della natura. È vero, non a tutti è concesso il lusso di avere un orto da ammirare ogni giorno nei suoi cambiamenti lungo il dispiegarsi delle quattro stagioni, ma lo smartphone sempre connesso si adatta bene a qualsiasi borsa o

Continue Reading

Un vaso di viole e una crostata

Un vaso di viole e una crostata

"A febbraio si colgono le viole a piedi nudi.." Quante volte l'ho sentito dire dai miei nonni e io non ci ho mai creduto che un mese come questo, che preferisce di gran lunga uno stelo d'erba intirizzito dal gelo che nutrito da gocce di fresca rugiada mattutina, potesse riservare una sorpresa dal sapore così primaverile. Una zolla di terra fiorita l'anno scorso, presa dal nonno e messa in un vaso per Francesco, ha sopportato le montagne russe della colonnina di mercurio, passando dal caldo soffocante alle gelige nottate, guardando la campagna appollaiato sopra il grande vaso del caprifoglio, così, nel silenzio di quelle

Continue Reading

Pane e neve

Pane e neve

Scende e lo capisci, perché  la senti già da sotto le coperte ancor prima di aprire le finestre e  di intravederla nella rosea oscurità dell'alba: la neve c'è e non è vero che è silenziosa, tutt'altro! L'unica cosa è che il suo suono ha una frequenza debole, sommessa e si rivela solo agli orecchi più attenti, che non si lasciano distrarre da quella campana che ovatta tutto quello che c'è attorno come in una gigantesca boule de neige. Pezzi strappati di una grossa matassa di zucchero filato che trova il suo equilibrio su un esile stelo di legno, ma che hanno

Continue Reading

Buon appetito!

Buon appetito!

Buon appetito! A te che scorri le pagine di questo blog faccio questo augurio..Anche se non dovrei, perché "Buon appetito" non si dice.. Me lo sono chiesta tante volte perché il galateo disapprovi questa frase e allora ho cercato qua e là e l'ho scoperto!  La nobiltà non si siede mai a tavola per placare il buco allo stomaco, bensì per il piacere di conversare, quindi il cibo non è l'attrazione principale, ma solo un corollario fra una chiacchiera e l'altra. Bene..quindi perché ti faccio un augurio del genere? Primo: non scorre sangue blu fra le mie vene, già,  nemmeno

Continue Reading

Le coroncine dell’Avvento

Le coroncine dell’Avvento

E la metà di dicembre è passata, mancano nove giorni al Natale: nella testa una lunga lista scritta con il pensiero di cose da fare che ti passano davanti agli occhi mentre lavori, dormi o cucini.. L'aria è fredda, i campi sono bianchi di gelo e a quanto dicono arriverà anche la neve..forse sarà un bianco Natale? Chissà.. ma questo mese mi ha già regalato tanto che mi sembra un po' pretenzioso chiedere i tetti imbiancati e il rumore sommesso delle campane  nel silenzio rosato della mezzanotte del 24.. Tornano alla mente i ricordi di infanzia, le fiabe che leggevo,

Continue Reading

Xmas mood

Xmas mood

Giorni che passano via veloci insieme ad un profumo di cannella, strade e grandi alberi illuminati: il Xmas mood è iniziato, bello farsi contagiare da questa magia!

Continue Reading

La torta del ringraziamento

La torta del ringraziamento

Era una fredda giornata di novembre, forse una di quelle in cui il sole ha quasi paura a mostrarsi e decide di rimanere avvolto nella foschia traslucida come un baco avviluppato nelle fitte trame della sua seta: uno spettacolo un po' malinconico, ma tuttavia affascinante, se contemplato dalla finestra nel tepore di casa a una manciata di settimane dal Natale.. Forse anche agli occhi dei passeggeri della Mayflower, la nave salpata qualche mese prima dalle coste inglesi, la natura incontaminata e selvaggia che stava proprio lì di fronte a loro doveva sembrare un paradiso e non importava granché se ad accoglierli

Continue Reading